Follow by Email

16 marzo 2013

Torta di Semolino dell'Artusi

Ogni tanto mi piace sfogliare questa "bibbia" del mangiar bene, e ieri ho trovato questa ricetta, che mi ha attirato per la presenza del semolino che io adoro, ma che ho mangiato sempre e solo nelle versioni salate.
Riporto la ricetta così com'è scritta dall'autore, con quel sapore un po' antico...

Torta di Semolino

latte, un litro
semolino di grana fine, grammi 130
zucchero, grammi 130
mandorle dolci con tre amare, grammi 100
burro, grammi 20
uova, n. 4
raschiatura di un limone
una presa di sale

Sbucciate le mandorle nell'acqua calda e pestatele finissime in un mortaio con tutto lo zucchero*, che metterete a una cucchiaiata per volta.
Cuocete il semolino nel latte e prima di ritirarlo dal fuoco aggiungete il burro e le mandorle, le quali per essere mescolate allo zucchero, si sciolgono facilmente. Poi salatelo ed aspettate che sia tiepido per unirvi le uova frullate a parte.
Versate il composto in una teglia unta di burro, aspersa di pangrattato e di grandezza tale che la torta risulti alta un dito e mezzo o al più due. Mettetela in forno o nel forno da campagna**, sformatela diaccia e servitela tutta intera o tagliata a mandorle.

*Io ho macinato le mandorle assieme allo zucchero nel robot.
** Per la cottura mi sono regolata un po' in base alla mia esperienza e al mio forno. L'ho cotta per 35 minuti a 180°.




Buon appetito!

2 commenti:

  1. Fantastica!
    Come sempre Artusi porta nelle nostre cucine il rassicurante sapore delle "cose buone di casa".
    Ieri sera ho provato anche io a farla con mio figlio ottenne ed il risultato é strepitoso nella sua semplicità.
    Brava Ross.
    Ma/x

    RispondiElimina
  2. Grazie Max, sei sempre gentile!
    I tuoi complimenti mi lusingano, da buongustaio che sei!!!
    A presto.
    Ross

    RispondiElimina