Follow by Email

28 agosto 2013

Ciambelle

Ciambelle

500 g di farina manitoba
1 bustina di lievito di birra secco (o 1 panetto di lievito fresco)
50 g di zucchero
250 ml di latte tiepido
80 g di burro fuso
1 uovo 
il succo di 1/2 limone o 1/2 arancia spremuta
1/4 di cucchiaino di sale

Nel vaso dell'impastatrice versare la farina mescolata con il lievito di birra e lo zucchero. Utilizzando il gancio a K amalgamare il tutto e versare il latte tiepido, il succo degli agrumi, l'uovo e il burro fuso. Continuare ad impastare e aggiungere per ultimo il sale. In alternativa si può impastare nella macchina del pane o a mano (ma è un'operazione che io non amo fare...preferisco delegare all'impastatrice!)


Dopo aver impastato bene mettere l'impasto sulla spianatoia. Stendere ad uno spessore di 1 cm e con un bicchiere grande ricavare tanti dischi. Con l'apposito stampino creare anche il buco centrale (io ho utilizzato un beccuccio di un sac-à-poche, ma va bene anche un tappo o un bicchierino da vodka).
Sistemare le ciambelle su un piano infarinato e lasciare lievitare almeno un'ora in luogo caldo (meglio nel forno spento).
Friggere in abbondante olio e passare nello zucchero semolato. Buon appetito!





27 agosto 2013

Girandola di Sfoglia con Prosciutto e Provola


Questa è un'idea simpatica per un antipasto che ho trovato curiosando sul web. Un'alternativa al solito strudel salato, che non richiede grande manualità ma che risulta molto d'effetto.

Girandola di Sfoglia

1 Rotolo di pasta sfoglia rettangolare
150 g di prosciutto cotto
150 g di provola affettata
1 uovo 

Stendere la pasta sfoglia in modo da ottenere un rettangolo dai bordi piuttosto regolari.

Stendere il prosciutto cotto su due terzi della sfoglia.











Stendere ora la provola affettata sul prosciutto.








 Ribaltare il lembo vuoto di sfoglia sul prosciutto e la provola e arrotolare di nuovo ottenendo così tre strati uno sull'altro.









Con le forbici incidere lo strudel fermandosi a 3 cm dal bordo opposto l'incisione.











Trasferire il rotolo su una teglia rivestita di carta da forno e avvicinare le due estremità creando una composizione circolare.
Rivoltare ogni "petalo" in modo che cuocendosi si apra e si gonfi.
Spennellare con l'uovo sbattuto.
Cuocere in forno caldo a 180° per 20 minuti circa.
Servire tiepido




Per una presentazione insolita si può sfruttare il buco centrale per inserire una ciotolina con olive o...perchè no, una salsina al formaggio come accompagnamento...

Buon Appetito!


25 agosto 2013

Tortelli di zucca

I Tortelli di Zucca sono una specialità della mia regione, l'Emilia Romagna. Ogni famiglia conosce e custodisce una ricetta diversa. C'è chi mette gli amaretti, chi preferisce invece non metterli, chi mette la mostarda, chi giura che sono più buoni senza...
  Io mi affido al mio gusto personale e infatti noterete che non ho indicato le quantità perchè dipende anche dalla dolcezza della zucca e dal tipo di polpa (se compatta o un po' acquosa). 
Generalmente se la zucca è buona si consiglia di condire i tortelli con semplice burro e salvia, per esaltarne il sapore, ma sono ottimi anche conditi con un buon ragù di carne.
A voi la scelta...

Tortelli di Zucca

1 zucca
5/6 amaretti
Parmigiano Reggiano grattugiato
Sale & Pepe
Noce Moscata
Pangrattato

Per la sfoglia:
500 g di farina
5 uova
1 cucchiaio di olio di oliva

Lavare la zucca, tagliarla a pezzi, eliminare i semi e sistemarla in una teglia con carta da forno. Condire con un po' di sale (io metto anche un po' di zucchero...) e cuocere in forno a 180/200° per un'oretta o fino a quando la polpa risulta cotta.
Lasciare raffreddare e schiacciare con uno schiacciapatate in una terrina. Aggiungere abbondante parmigiano reggiano grattugiato, sale, pepe, noce moscata e qualche amaretto tritato.
Se il composto dovesse risultare acquoso aggiungere, poco per volta, qualche cucchiaio di pangrattato (il pangrattato impiega un po' di tempo ad assorbire l'umidità del ripieno quindi prima di aggiungerne tanto lasciare riposare un po' il il composto).

Preparare la sfoglia con la farina, uova e l'olio.
Tirare sottilmente una striscia di sfoglia e tagliare dei grandi quadrati con l'apposita rotella.
Sistemare su ogni quadrato una grossa pallina di ripieno di zucca. Chiudere a triangolo sigillando bene e dare la classica forma a tortello. 


Sistemare i tortelli su un vassoio cosparso di farina o, meglio, farina gialla.


Cuocere i tortelli in abbondante acqua salata e scolare con una mestola forata (non rovesciare i tortelli nello scolapasta...si romperebbero)
Condire a piacere con abbondante burro fuso aromatizzato con la salvia oppure con ragù di carne, e parmigiano reggiano.



Buon Appetito!


Pesche al Cioccolato




 Pesche al Cioccolato

6 Pesche non troppo mature
6 cucchiaini di cacao amaro (1 per ogni pesca)
12 amaretti (2 per ogni pesca)
1/2 bicchierino di liquore tipo Rum
2 tuorli



Lavare le pesche e, senza sbucciarle, tagliarle a metà e levare il nocciolo. 

In una ciotola mescolare il cacao, gli amaretti tritati, i tuorli e il rum fino ad ottenere un composto senza grumi. Se dovesse essere molto denso allungare con un goccio di latte.







Distribuire il composto all'interno delle mezze pesche.
Sistemare in una padella capiente e versare un goccio d'acqua sul fondo per aiutare la cottura.
Mettere sul fuoco e cuocere per mezz'ora circa aggiungendo un goccio d'acqua all'occorrenza.
Servire tiepido.

Buon Appetito!

13 agosto 2013

Gnocco Fritto

Il Gnocco Fritto, (e ribadisco "il gnocco" perchè dalle nostre parti non si dice "lo gnocco") è un piatto tipico emiliano che di solito viene preparato nelle occasioni in cui si vuole stare in compagnia e mangiare all'aperto. Non a caso è il piatto delle sagre e delle feste paesane, nella cui preparazione si cimentano di solito abili massaie dei vari circoli e associazioni.
La preparazione è semplicissima, come pure semplici sono gli ingredienti, non richiede lievitazione perciò risulta una piacevole scorciatoia quando si decide di invitare gli amici all'ultimo minuto.
Per quello che riguarda l'accompagnamento..beh...bisogna assolutamente rifornirsi di buon salume e...di lambrusco!!!


Gnocco Fritto

(per circa 55 pezzi)
1 kg di farina 00
5 cucchiai di olio di semi
2 cucchiaini di sale fino
550 ml circa di latte

Preparare l'impasto facendo la classica fontana sul tagliere, al centro mettere il sale e l'olio e con una forchetta aiutarsi versando il latte a filo. Le dosi del latte sono indicative...occorre preparare un impasto piuttosto sodo ma non duro.
Io solitamente metto tutto nella macchina del pane o nell'impastatrice con il gancio a K...molto più semplice!
Non occorre preparare l'impasto con anticipo, non necessita di riposo.


Tirare la sfoglia con la macchina per la pasta lasciandola piuttosto spessa, io non supero mai il numero 3 o il numero 4.



Tagliare delle losanghe e sistemarle su un vassoio ricoperto da un canovaccio. Si possono fare tranquillamente diversi strati purchè si abbia l'accortezza di non far toccare le fette tra loro.





Friggere in abbondante olio di semi in una pentola profonda avendo l'accortezza di far affondare le fette nell'olio per farle gonfiare bene.
Girare una volta per farle colorire da entrambi i lati e scolare su carta assorbente.
Servire caldo accompagnato da salumi e formaggi.

Buon Appetito!